Achille Lauro torna al Festival di Sanremo

0
144
achille lauro

Con Me ne frego, Achille Lauro tornerà sul palco dell’Ariston a un anno dal grande successo di Rolls Royce.

Classe 1990, Lauro De Marinis, per tutti Achille Lauro, si affaccia al mondo musicale fin da piccolo, grazie al fratello maggiore. Sempre grazie al fratello, Lauro si interfaccia con il mondo del rap underground e in quello del punk rock. Insieme al suo producer Edoardo Manozzi, in arte Boss Doms, Lauro ha preso parte all’edizione del 2017 dello show Pechino Express come coppia dei Compositori.

Nel 2012 viene pubblicato il suo primo mixtape, intitolato Barabba, realizzato con la collaborazione di diversi producer affiliati al cosiddetto Quarto Blocco. Nel 2013 firma per l’etichetta discografica Roccia Music e viene annunciato l’album Achille Idol immortale, pubblicato poi nel dicembre 2014 in free download, e che vede la partecipazione di artisti come Marracash, Noyz Narcos e Gemitaiz ma anche Coezhttps://www.sanremomusicfestival.com/coez-big-superfavorito-per-sanremo-2020/.

Grazie al successo di Achille Idol immortale, nel 2015, pubblica un’EP di sei tracce intitolato Young Crazy EP, tra cui c’è il brano La Bella e la Bestia, che verrà poi arrangiato in una versione unplugged. Nello stesso anno esce il secondo album Dio c’è, che vede sempre la partecipazione di alcuni appartenenti al Quarto Blocco, tra tutti Caputo.

Nel 2016 lascia la Roccia Music per entrare nella No Face Agency. Così nel novembre esce il suo terzo album, Ragazzi Madre che consacra il sodalizio tra Lauro ed il producer Boss Doms. Nell’ottobre 2017, Achille Lauro sigla un contratto con la Sony Music, e nel novembre viene rilasciata la 1 Year Anniversary di Ragazzi Madre, con incluse 8 tracce bonus. In questo periodo Lauro si avvicina ad artisti rap emergenti, realizzando brani di successo come Thoiry RMX, abbracciando con svariati singoli il nuovo genere emergente: la trap.

leggi anche :  Sanremo 2020: la rivoluzione tra giuria, serata cover e nuove proposte

Nella 2018 vengono pubblicati i singoli Midnight Carnival e Ammò, confermando il nuovo stile rinnovato e moderno, con influenze musicali di vario genere e che anticipano l’album Pour l’amour, sempre in collaborazione con Boss Doms. Nello stesso anno partecipa al Concerto del Primo Maggio di Roma e rilascia l’album No Face Forever, realizzando una collaborazione con Anna Tatangelo in Ragazza di periferia 2.0.

Me è il 2019, anno in cui pubblica la sua autobiografia Sono io Amleto, che Achille Lauro si manifesta al grande pubblico, grazie alla sua partecipazione al Festival di Sanremo con il brano Rolls Royce, aprendo così una nuova stagione musicale per l’artista, quella del rock ‘n’ roll, abbandonando definitivamente la trap. Il singolo sanremese, insieme a C’est la vie, anticipa 1969 il nuovo album discografico. Ad ottobre è il tempo del singolo 1990, che ha il compito di anticipare l’omonimo disco.

vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments