Lewis Capaldi, chi è il primo ospite internazionale confermato a Sanremo 2020

0
299
Lewis Capaldi

Lewis Capaldi, il cantautore scozzese 23enne considerato un enfant prodige della musica britannica, sarà ospite del Festival di Sanremo 2020. A marzo 2019, il suo singolo “Someone You Loved” ha conquistato la classifica dei singoli nel Regno Unito, dove è rimasto per sette settimane, e nell’ottobre 2019 ha raggiunto il numero 1 nella Billboard 100.

“Ho sempre pensato che a Sanremo la presenza internazionale sia molto importante, se non fondamentale. Guai se non ci fosse – ha detto Amadeus, direttore e conduttore artistico della 70/a edizione del festival -.Non dobbiamo chiuderlo nel mondo solamente italiano, è il festival della canzone italiana ma deve avere un respiro internazionale”.

Ed è Lewis Capaldi il primo ospite internazionale ad essere confermato per la settantesima edizione del Festival di Sanremo. Lo scozzese comincia a coltivare la passione per la musica da bambino. Fondamentale a tal proposito è l’ascolto dei dischi dei genitori e soprattutto l’inizio dello studio della chitarra. Le porte del successo internazionale si aprono nel 2017, quando pubblica il brano Bruises. Come spesso accade agli artisti contemporanei è il web a regalare la celebrità. Esistono diversi servizi di promozione musicale e sono molto utili, tanto da portare al successo e alla fame giovani talentuosi in pochissimo tempo, come il caso dell’italianissimo veedoo.it

Nel 2019 Lewis Capaldi ripete e supera gli ottimi risultati del 2017 con la canzone Someone You Loved, e incrementa la sua fama inserendosi di diritto nella diatriba famigliare tra i due fratelli Gallagher; egli infatti ha pubblicamente esibito una t-shirt che ridicolizzava Noel, il fratello maggiore, ottenendo il plauso di Liam che lo ha invitato ad aprire le date britanniche del suo tour.

leggi anche :  Romina Power mette il punto interrogativo alla sua ospitata sanremese

Non solo Liam Gallagher, a sostenere questo ragazzone scozzese, passato in poco tempo dal cantare nei club di Glasgow ad esibirsi sui palchi di tutta Europa (come Glastonbury) sono stati tanti amici artisti, che gli hanno dato la possibilità di farsi conoscere come supporter dei loro tour (Ed Sheeran, Sam Smith, i Bastille, Rag’n’ Bone Man e Niall Horan). Capaldi è stato anche ribattezzato l'”hardest working artist of 2019″ grazie ai 195 show tenuti quest’anno in 23 paesi (68 concerti in UK e 127 nel mondo).

vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments